Medicina delle minoranze etniche

For the english version of the article click here

Il primo progetto implementato dal GRT in Guatemala (in particolare nella Comunità Maya K’Iche in Totonicapan) ha avuto l’obiettivo di lavorare con i terapeuti del luogo che applicano la medicina tradizionale convalidando le pratiche positive e correggendo quelle a rischio, con particolare attenzione al materno infantile. 

La formazione del personale sanitario tradizionale è avvenuta attraverso lo strumento “ricerca – azione”. Questo ha fornito dati qualitativi per conoscere il sistema di assistenza tradizionale. Si è stimolata la creazione di gruppi di terapeuti tradizionali, in un percorso di confronto tra i terapeuti tradizionali stessi. Il progetto si è sviluppato anche organizzando seminari e congressi di informazione sulle medicine tradizionali diretti al personale medico e paramedico. Dopo queste attività si sono tentati integrazioni più puntuali tra i due sistemi arrivando alla elaborazione e diffusione di un documento conclusivo sulle attività di ricerca – azione del settore.

Nell’ambito delle minoranze etniche il GRT, attraverso la ricerca realizzata con metodo partecipativo, ha individuato con la Comunità locale, quelli che erano i nodi da affrontare per uno sviluppo della Comunità stessa, nel rispetto della sua cultura. 

Le ricerche hanno permesso di  individuare i bisogni fondamentali puntando sui tre temi essenziali proposti: 

  • la salute, intesa come integrazione tra sapere tradizionale e medicina occidentale, 
  • l’educazione intesa come valorizzazione e incremento del bilinguismo e biculturalismo nelle scuole elementari per garantire un’identità culturale serena e non conflittuale del bambino e della comunità tutta, 
  • la produzione intesa come realizzazione di attività produttive interamente scelte e gestite da gruppi di donne per favorire l’empowerment delle donne indigene, sottolineandone il ruolo protagonista nello sviluppo produttivo e sociale della comunità. Il progetto è terminato nel 1996.

Risultati

Nell’ambito della salute i principali obiettivi raggiunti da questo progetto sono stati interventi di formazione al personale sanitario locale. Si è cercato di permettere loro di riconoscere quanto la medicina tradizionale non sia piú sufficiente e aiutarli a comprendere il bisogno di affidarsi a cure mediche differenti. Circa settanta terapeuti tradizionali hanno concluso la loro formazione. 

É stato fatto un intervento anche nell’ambito educativo. I cinque maestri bilingue del progetto insieme alla cooperante linguista del GRT, hanno prodotto 3 quaderni di lettura in K’Iche, un dizionario monolingua e la ricostruzione della numerazione in K’Iche. Inoltre, sette nuovi maestri si sono formati attraverso due seminari, nell’insegnamento della lettoscrittura K’Iche e dell’aritmetica Maya. 

Nell’ambito della produzione, cinque gruppi di donne (di circa venti donne ciascuno) hanno ricevuto costante orientamento sia su temi generali, quali i diritti delle donne e la salute riproduttiva, sia sull‘elaborazione di piccoli progetti riproduttivi. A questo proposito, la fabbrica di marmellata “Dona Flor” del gruppo di signore “Nueva Estrella” ha rafforzato la sua organizzazione sia produttiva sia di commercializzazione.

Fondi:

Commissione europea